Gentile cliente, con la presente desideriamo informarLa che, la riforma del sistema nazionale di istruzione e formazione (L. 13.7.2015 n. 107) ha modificato l’art. 15 co. 1 del TUIR in materia di detrazione IRPEF del 19% per le spese di frequenza scolastica e universitaria.  Per effetto di tali modifiche la detrazione IRPEF del 19% è stata estesa alle spese per la frequenza (cfr. art. 15 co. 1 lett. e-bis) del TUIR): i) delle scuole dell’infanzia (ex asili); ii) del primo ciclo di istruzione, cioè delle scuole primarie (ex elementari) e delle scuole secondarie di primo grado (ex medie); iii) delle scuole secondarie di secondo grado (ex superiori). Con riferimento all’ambito applicativo della nuova detrazione, l’Amministrazione finanziaria (R.M. 4.08.2016 n. 68)  ha recentemente  chiarito che ai fini della detrazione: i) rientrano le spese sostenute per i servizi scolastici integrativi, quali l’assistenza al pasto, il pre-scuola e il post-scuola, in quanto tali servizi, pur se forniti in orario extracurricolare, sono di fatto strettamente collegati alla frequenza scolastica; ii) sono escluse le spese relative al servizio di trasporto scolastico (scuola-bus), anche se fornito per sopperire ad un servizio pubblico di linea inadeguato per il collegamento abitazione-scuola.

circolare25-2016