Gentile cliente, con la presente desideriamo informarLa che con il DM 23.06.2016 è stato definito il nuovo quadro regolamentare degli incentivi sulla produzione di energia elettrica da impianti a fonti rinnovabili (biomasse, biogas, eolica e solare termodinamico). Tra le novità rispetto alle forme incentivanti adottate negli anni precedenti evidenziamo, in particolare, le seguenti: i) la generale diminuzione delle tariffe incentivanti; ii) possibilità di partecipare a procedure d’asta anche per impianti situati in stati membri UE; iii) la riduzione degli incentivi per gli impianti che beneficiano di aiuti sull’investimento; iv) l’introduzione nell’ambito di applicazione degli impianti geotermoelettrici. Gli incentivi sono riconosciuti sulla produzione di energia elettrica netta immessa in rete dall’impianto ed il valore delle tariffe varia a seconda della fonte rinnovabile, della tipologia di impianto e della classe di potenza. Per i piccoli impianti si può accedere all’incentivo per accesso diretto, mentre per impianti di medie dimensioni è necessaria l’iscrizione a registri e successiva richiesta di accesso agli incentivi. Per gli impianti di dimensione più rilevante (5MW), invece, si applica una procedura d’asta al ribasso. Ricordiamo che gli incentivi possono riguardare le seguenti fonti: eolica, idraulica, biomasse, biogas, bioliquidi, solare termodinamico, oceanica, geotermica, gas di discarica, gas residuati da processi di depurazione. Di seguito illustriamo i nuovi incentivi previsti in materia di energie rinnovabili.

Circolare21.2016