Gentile cliente, con la presente desideriamo informarLa che per i premi relativi a polizze infortuni, morte o invalidità permanente o per la polizza LCT che verranno versati nel 2016 sono previsti due limiti di detraibilità: i) i premi per assicurazioni aventi per oggetto il rischio di morte o di invalidità permanente non inferiore al 5 per cento sono detraibili per un importo non superiore a 530 euro; ii) i premi per assicurazioni aventi per oggetto il rischio di non autosufficienza nel compimento degli atti della vita quotidiana sono detraibili per un importo non superiore a euro 1.291,14, al netto dei premi aventi per oggetto il rischio di morte o di invalidità permanente. In buona sostanza, in presenza di entrambe le polizze si deve utilizzare: i) per prima, la detrazione relativa ai premi versati per le polizze vita, infortuni, morte o invalidità permanente (sempre con il massimo di € 530 ); ii) successivamente, la detrazione relativa ai premi versati per la polizza LTC. In ogni caso, le detrazioni nel loro complesso non potranno comunque superare € 1.291,14. Si rammenta, infine, che per poter agevolare la compilazione della dichiarazione dei redditi, delle somme corrisposte per i premi assicurativi, generalmente l’assicurazione rilascia un apposito prospetto nel quale sono evidenziati: i) i dati del contraente; ii) i dati dell’assicurato; iii) il tipo e la decorrenza del contratto; iv) gli importi fiscalmente rilevanti. Da ultimo si segnala che, secondo quanto riportato da certa stampa specializzata, tra i prossimi impegni del governo ci sarebbe l’incremento – da Euro 530 ad Euro 750 – della detrazione per le polizze assicurative finalizzate alla tutela dei disabili.

Circolare5.2016