Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che la legge di stabilità per il 2016, in vigore dal 01.01.2016, ha introdotto alcune modifiche attinenti la misura del canone RAI e le relative modalità di pagamento In particolare, viene previsto che: i) la misura del canone di abbonamento alla televisione per uso privato è pari, per il 2016, all’importo di 100,00 euro (per il 2015 è dovuto l’importo di 113,50 euro); ii) l’esistenza di un’utenza per la fornitura di energia elettrica nel luogo in cui un soggetto ha la sua residenza anagrafica fa presumere la detenzione o l’utilizzo di un apparecchio. Per i titolari di utenza per la fornitura di energia elettrica, il pagamento del canone avviene mediante addebito sulle relative fatture. La norma prevede che, a regime, il pagamento del canone deve essere effettuato in dieci rate mensili addebitate sulle fatture emesse dall’impresa elettrica aventi scadenza del pagamento successiva alla scadenza delle rate. Limitatamente all’anno 2016, che rappresenta il primo anno di applicazione della suddetta novità, avuto riguardo ai tempi tecnici necessari all’adeguamento dei sistemi di fatturazione, nella prima fattura successiva all’1.7.2016 sono cumulativamente addebitate tutte le rate scadute. Infine, per permettere l’addebito dell’importo del canone in bolletta, l’abbonato non dovrà comunicare alcunché all’istituto di credito sul quale è domiciliato il pagamento della bolletta: infatti, per espressa previsione normativa, le autorizzazioni all’addebito diretto sul conto corrente bancario o postale ovvero su altri mezzi di pagamento, rilasciate a intermediari finanziari dai titolari di utenza per la fornitura di energia elettrica per il pagamento delle relative fatture, si intendono, in ogni caso, estese al pagamento del canone di abbonamento televisivo.

>> Clicca per visualizzare l’articolo completo <<